BOI5_amor_sacro_1440

La Torta Amor Sacro e Amor Profano

10 agosto 2017

Creato da

Ernst Knam

Difficoltà

Difficile

Numero portate

8

Condividi

Ingredienti

Per l’impasto
350 g di farina
12 g di zucchero
175 g di burro
2 uova
1 limone

Per la crema di mandorle
125 g di farina di mandorle
125 g di zucchero a velo
125 g di burro
2 uova

Per la crema pasticcera
500 ml di latte
4 tuorli
25 g di maizena
25 g di farina
100 g di zucchero
2 limoni
1 stecca di vaniglia

Per la salsa
150 g di fragole
50 g di zucchero
1 limone

Per completare
1 uovo

Per decorare
zucchero a velo qb
1 limone
gelatina alimentare qb

Una torta all’apparenza semplice, ma che contiene in sé mille sfumature, proprio come l’amore. Ed è proprio per celebrare questo sentimento eterno che è stata ideata dalla giornalista Clelia D’Onofrio e viene ora riproposta dal Maestro Ernst Knam. Una crema pasticcera unita ad una soffice crema alle mandorle, racchiusa in una morbida pasta frolla e servita con una delicata salsa alle fragole: anche se sembra di facile preparazione, occorre prestare molta attenzione a ogni dettaglio, seguendo passo passo le indicazioni del Maestro…

Procedimento

1. Cominciate a preparare l’impasto lavorando il burro con lo zucchero. Aggiungete le uova e amalgamate il tutto con la farina e la buccia grattugiata del limone. Avvolgete la pasta nella pellicola e lasciatela riposare in frigo.

2. Stendete ¾  della pasta a disco e foderate la base e i bordi della tortiera. Coprite il guscio di frolla con la carta da forno, quindi distribuite i fagioli secchi e cuocete in forno a 200° per 10 minuti circa.

3. Per la crema di mandorle frullate il burro con lo zucchero e la farina di mandorle, incorporando un uovo alla volta. Per la crema pasticcera portate a bollore il latte con una striscia sottile di limone e la stecca di vaniglia. A parte, montate i tuorli con lo zucchero fino a renderli bianchi e spumosi, incorporate poi la farina e la maizena, continuando a mescolare.

4. Diluite il composto con il latte bollente passato al colino e cuocete la crema per 5 minuti, sempre mescolando. Grattugiate la scorza dei limoni e poi, spellandoli a vivo, estraete gli spicchi. Mescolate la crema di mandorle con la crema pasticcera, la scorza dei limoni grattugiata e gli spicchi spellati a vivo, facendo attenzione a non romperli.  Versate il tutto nel guscio di frolla.

5. Per completare la vostra torta, tirate a disco sottile la restante parte di impasto, quindi adagiatelo sul ripieno in modo che lo ricopra fino ai bordi. Pressate con delicatezza tutto intorno, spennellando la superficie della torta con un uovo sbattuto. Cuocete poi il tutto in forno a 170 gradi per 25 minuti circa.

6. Preparate la salsa, frullando le fragole. Passate al colino la salsa ottenuta e portatela a ebollizione con lo zucchero e il succo del limone.

7. Iniziate a decorare la torta ritagliando delle strisce di carta e disponetele sulla torta formando una sorta di griglia (come fosse uno stencil), quindi spolverizzate con lo zucchero a velo, in modo da ottenere dei rombi. Tagliate tre fettine sottili di limone e disponetele a mezza luna su un lato della torta, spennellandole con la gelatina appena scaldata.

8. Servite la vostra torta con la salsa a parte.

tortaamorsacro_2

Curiosità

Il nome scelto da Clelia D’Onofrio è un omaggio all’omonimo quadro del pittore Tiziano, risalente ai primi anni del 1500: si tratta di una delle opere più conosciute e simboliche dell’artista, in quanto rappresenta un piccolo putto intento a giocare con l’acqua insieme a due donne tra loro agli antipodi, una vestita e una completamente nuda. La metafora dell’amore è riposta nell’antitesi tra le due donne, che simboleggiano le doppie sfaccettature dell’amore: sacro e razionale da un lato, ma anche profano e irrazionale dall’altro.

Condividi

© 2017 Discovery Italia Srl
Tutti i diritti riservati
P.IVA 04501580965